Home Moda YVONE CHRISTA NEW YORK, THE ART OF FLOWERS

YVONE CHRISTA NEW YORK, THE ART OF FLOWERS

Scritto da Redazione

Intuizione, creatività e voglia di mettersi in gioco sono le parole chiave di due giovani ragazze
svedesi Yvonne Clamf e Christina Söderström che nel 1991 danno vita alla loro griffe.

Dopo un corso di Design a Roma, le due studentesse si trasferiscono a Los Angeles dove iniziano a creare gioielli all’interno del loro appartamento.

Grazie a sperimentazione e creatività nascerà la prima collezione e dalla fusione dei due nomi di battesimo ecco il brand: Yvone Christa.

Il successo arriva grazie a uno sceneggiatore cinematografico che decide di utilizzare i loro gioielli in due serie televisive divenute molto celebri : “Beverly Hills” e “Melrose Place”.

Dopo il successo in televisione, la griffe inizia ad acquisire importanza tanto che la celebre attrice Jennifer Ariston, entusiasmata da queste creazioni, decide di indossarle anche nella vita privata facendole conoscere a tutta la Grande Mela.

Nomi come Madonna ,Cindy Crawford, Demi Moore, Cameron Diaz, Kate Moss, la principessa Victoria di Svezia e Katherine Zeta-Jones ci fanno capire quanto ormai é celebre il nome di questi gioielli.
Gusto, passione per il design e lavorazioni interamente fatte a mano con la tecnica dell’antica filigrana veneziana danno vita a collier, bracciali e orecchini in argento 925 brunito o bagnato in oro 22K. 

Da sottili fili d’oro e d’argento, attraverso una lavorazione artigianale impeccabile, nascono queste creazioni dal sapore primaverile perfettamente in linea con il trend di stagione.
Il “floreal design” scelto da Yvone Christa ci porta in un’atmosfera di raffinatezza e pura femminilità unendo l’innovazione delle forme con la portabilità del gioiello.
Le collezioni, tre all’anno, comprendono bracciali, anelli, spille, collier, choker e orecchini utilizzando come decorazioni pietre semipreziose come quarzi, ametiste, occhi di tigre, amazzoniti, corniole, topazi, zirconi fino ad arrivare a lapis e turchesi.
L’ispirazione è data in primo luogo dalla natura, che da sempre è la massima rappresentante di perfezione, femminilità e grazia, basti pensare alle forme di alcuni fiori come tulipani, rose e orchidee.
“The butter cup” e “Forget me not” sono due collezioni commissionate rispettivamente dal National Swedish Museum of Art di Stoccolma e dal National Gallery of Art di Washington D.C. per Yvone Christa.

La prima nel 1997, ispirata ai gioielli degli zar di Russia e la seconda nel 1999, prende spunto da un dipinto di Van Huysum.
Oggi le collezioni sono presenti in Department Store esclusivi quali Nieman Marcus, Bloomindales, Harvey Nichols e Liberty o in specialty store come Fred Segal e Jennifer Kaufmann.
Dal quartiere newyorkese di Soho dove vent’anni fa nasceva la griffe Yvon Christa, oggi la ritroviamo in quello tricolore di Nolita (North of Little Italy) in 223 Mott Street con una vetrina gioiello fatta di estro e femminilità che brilla nel cuore di Manhattan.





POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: