Home Cinema Oh Madre!

Oh Madre!

Scritto da Noemi Clarizio

Non mi occupo spesso di cinema, preferisco lasciare ad altre persone molto più competenti tale incombenza, preferisco gustarmelo, senza farmi troppe domande o senza sentire l’esigenza di trovare le giuste parole per poi  scriverne; fatto sta che l’altra sera, dopo esser uscita dalla sala in cui avevo visto Madre!, l’ultimo film di Darren Aronofsky, qualcosa in me è cambiato.  Ho infatti capito  in breve tempo che avrei potuto chiarirmi le idee solo descrivendo ciò che la visione di questa opera magistrale aveva scaturito in me stessa. Madre! è uno di quei film di cui l’umanità può avere la gioia di ricevere in dono una volta ogni cinquant’ anni probabilmente; Madre! è uno di quei film che non può in nessun caso lasciare indifferenti; è sconvolgente, emozionante, irritante, prepotente, presuntuoso, angosciante, rivelatorio, Madre! è tutto e il contrario di tutto.

Accolto negativamente alla 74° Mostra del Cinema di Venezia, con protagonisti Jannifer Lawrence e Javier Bardem, la pellicola inizia con degli eventi che lasciano tranquillamente pensare ad un appassionate e ben fatto thriller psicologico, ma il passo verso il distopico e surreale è davvero breve.

Lei, Jennifer Lawrence,giovane donna dall’aspetto e dai comportamenti fin troppo innocenti è sposata con lui, Javier Bardem, scrittore tormentato da un passato incerto; ad interrompere la loro quasi patetica  quotidianità è una coppia sposata, Michelle Pfeiffer e Ed Harris, dalla provenienza ignota e dai comportamenti fin troppo invadenti e inspiegabili.

Dilungarsi ulteriormente sul plot è quasi impossibile; nessuno ha un nome proprio e le azioni dei protagonisti fanno ben presto pensare ad un distaccamento dal piano reale degli avvenimenti. Tutto segue le emozioni e le sensazioni della protagonista femminile praticamente onnipresente; cosa vogliono queste persone dentro casa sua? ma soprattutto perché tutti sembrano comportarsi come se non fosse lei la padrona di casa?

Una simbologia visiva continua, dove niente è quello che realmente sembra essere, dove la mente dello spettatore si perde nelle ipotesi più assurde e personali; un’interpretazione giusto infatti non esiste, e questo il primo a dirlo è lo stesso regista. Brillante, grottesco, folle e completamente estraneo a qualsiasi canonica narrativa , in sintesi Madre è, dal mio modestissimo e ignorante in materia punto di vista,  un capolavoro contemporaneo di cui noi italiani non abbiamo, come sempre, saputo coglierne la meraviglia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: